Hollywood Icons sbarca a Palazzo Esposizioni

IMG_4373.JPG

Presentata ieri mattina alla stampa la splendida mostra Hollywood Icons. Fotografie dalla Fondazione John Kobal, a cura di Simon Crocker e Robert Dance, promossa da Roma Capitale e organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo. Palazzo Esposizioni aprirà la mostra da oggi, 24 giugno, fino al 17 settembre: sarà possibile ammirare 160 foto di grandi star del cinema dagli anni ’20 ai ’60, rivivendo tappe fondamentali della storia del cinema americano. Una storia scritta appunto da attori e attrici hollywoodiani, immortalati dalle suggestive stampe originali dei più grandi fotografi dell’epoca, raccolte nella immensa collezione di Kobal, autorevole giornalista,  scrittore e storico del cinema.

IMG_4362.JPG

I curatori Crocker e Dance hanno guidato i giornalisti presenti in un viaggio immersivo tra i simboli più luminosi di Hollywood, tra storia e aneddoti: da Joan Crawford a Greta Garbo, da Marlene Dietrich a Katherine Hepburn, da Rita Hayworth a Audrey Hepburn, da Gary Cooper a Clark Gable, da James Dean a Marlon Brando. Gli splendidi scatti di Ernest Bachrach, George Hurrel, Ruth Harriet Louise, Robert Coburn e di molti altri grandi fotografi dell’epoca d’oro hollywoodiana avevano il fine di rinforzare il legame tra le star del cinema e la gente che le amava sullo schermo e di cui voleva sapere sempre di più. E proprio questi scatti contribuirono in maniera essenziale alla creazione di divi e alla promozione dei loro celebri film. Una mostra imperdibile, per tutti coloro che amano il cinema, il fascino glamour e romantico delle foto d’epoca e l’arte fotografica come veicolo emozionale.

Per maggiori informazioni visitare il sito: http://www.palazzoesposizioni.it

Alberto Leali

Al via la maratona GIALLO SULLA VISTOLA all’Istituto polacco

IMG_4363.JPG

Nell’ambito di Corso Polonia 2017 – il 15° Festival della Cultura Polacca a Roma, si tiene sabato 24 giugno, dalle ore 11.00, GIALLO SULLA VISTOLA, maratona di film presso l’Istituto Polacco di Roma (Via Vittoria Colonna, 1), a ingresso libero. Un’intera giornata in compagnia del cinema polacco, con tre pellicole in cui alcune delle più belle città sulla Vistola faranno da sfondo a tre avvincenti storie all’insegna del thriller. Colazione al cinema alle ore 11.00 col film L’implicazione del regista Jacek Bromski (2011), dove Cracovia è la scena di un misterioso omicidio sul quale indagano il cinico commissario Smolar e la tenace procuratrice Szacka. Alle 15.00 segue Nel silenzio della notte, thriller psicologico del 1978 di Tadeusz Chmielewski, in cui una tranquilla cittadina della Polonia degli anni venti (le immagini all’aperto sono girate a Bydgoszcz e Toruń) viene sconvolta da una serie di delitti che hanno per vittime dei bambini. Alle 18.00, per finire, 11 minuti (2015), l’ultimo pluripremiato film del veterano del cinema polacco Jerzy Skolimowski: tra i grattacieli di una rovente Varsavia i destini di alcuni personaggi si incrociano in un attimo che cambierà le sorti di ognuno di loro.

Programma:

ore 11.00
/ colazione al cinema /
L’implicazione (Uwiklanie, PL 2011),
Jacek Bromski

15.00
/ pomeriggio al cinema /
Nel silenzio della notte (Wsrod nocnej ciszy, PL 1978),
Tadeusz Chmielewski

18.00
/ apericinema /
11 minuti (11 minut, PL 2015),
Jerzy Skolimowski

Proiezioni in v. or. con sott. it.

I FILM

L’implicazione
Titolo originale: Uwiklanie
Regia: Jacek Bromski
Regia e sceneggiatura: Jacek Bromski e Juliusz Machulski
Fotografia: Marcin Koszalka
Montaggio: Krzysztof Szpetmanski
Scenografia: Ryszard Melliwa
Musica: Ludek Drizhal
Suono: Jan Freda
Produzione, anno: Studio Filmowe Zebra, 2011
Durata: 123’
Interpreti: Maja Ostaszewska, Marek Bukowski

In un castello immerso nel verde nei dintorni di Cracovia lo psicoterapeuta Cezary Rudzki conduce una terapia di gruppo. Al mattino uno dei pazienti viene ritrovato in una pozza di sangue con un coltello conficcato in pieno volto… Il regista Jacek Bromski costruisce con sapienza un intrigo pieno di suspense.

Jacek Bromski (1946) ha studiato letteratura all’Università di Varsavia e pittura presso la Facoltà di Belle Arti di Varsavia. È noto in Polonia soprattutto come regista di commedie di successo, come Sztuka kochania (L’arte di amare, 1989), Kuchnia polska (Cucina polacca, 1991), U Pana Boga za piecem (In una botte di ferro, 1998). Dal 1996 ricopre il ruolo di presidente dell’Associazione dei Registi Polacchi. Dal 2007 è presidente del World Cinema Alliance (Alliance Mondiale du Cinema). È membro dell’European Film Academy. Negli anni 2005-2008 e dal 2014 è presidente del Consiglio Polacco dell’Istituto Polacco di Arte Cinematografica.

Nel silenzio della notte
Titolo originale: Wsrod nocnej ciszy
Regia e sceneggiatura: Tadeusz Chmielewski –
Fotografia: Jerzy Stawicki
Montaggio: Maria Orlowska
Scenografia: Teresa Smus-Barska
Musica: Jerzy Matuszkiewicz
Suono: Jerzy Szawlowski
Produzione, anno: Zespół Filmowy X, 1978
Durata: 116’
Interpreti: Tomasz Zaliwski, Piotr Lysak, Henryk Bista, Miroslaw Konarowski, Jerzy Bonczak

Anni Venti. Gli abitanti di una tranquilla cittadina vengono sconvolti da una serie di terribili omicidi che hanno per vittime dei bambini fra gli otto e i dieci anni. L’arma del delitto è sempre la stessa, una pistola. Il biglietto da visita dell’assassino un piccolo giocattolo su cui è riprodotta l’immagine di un gatto nero. Il commissario Teofil Herman, al quale vengono affidate le indagini, si trova ben presto in una situazione complicata: gli abitanti della cittadina, in preda al panico, si abbandonano all’irrazionalità; la stampa non perde occasione per sfruttare con cinismo l’ansia collettiva, mentre i politici trovano nella serie di omicidi un buon modo per distrarre l’opinione pubblica dagli scioperi in corso… A tutto ciò si aggiunge per il commissario il difficile rapporto col figlio quindicenne Wiktor, vittima a sua volta di un’educazione paterna troppo severa.

Tadeusz Chmielewski (1927-2016) regista e produttore, membro dell’Accademia Polacca del Cinema. Laureatosi alla Scuola di Lodz nel 1954, è stato quasi esclusivamente un regista di commedie leggere. Può sorprendere dunque scoprire in lui l’autore di uno dei thriller più interessanti del cinema polacco degli anni Settanta. A colpire maggiormente sono in questo film l’umorismo nero, l’approfondimento psicologico nella rappresentazione della società e del rapporto padre-figlio, la maestria con cui viene creata un’atmosfera inquietante, la cura per la scenografia.

11 minuti
Titolo originale: 11 minut
Regia e sceneggiatura: Jerzy Skolimowski
Fotografia: Mikołaj Łebkowski
Montaggio: Agnieszka Glińska
Scenografia: Joanna Kaczyńska, Wojciech Żogała
Musica: Paweł Mykietyn
Suono: Radosław Ochnio
Produzione, anno: Skopia Film, Element Pictures, 2015
Durata: 79’
Interpreti: Richard Dormer, Paulina Chapko, Wojciech Mecwaldowski, Andrzej Chyra, Dawid Ogrodnik

Un marito geloso fuori controllo, la sua sensuale moglie attrice, un losco regista di Hollywood, uno spericolato corriere di droga, una giovane donna disorientata, un ex galeotto venditore di hot dog, uno studente implicato in una misteriosa missione, un lavavetri di grattacieli che si prende una pausa illegale, un anziano disegnatore di ritratti, un convulso team di paramedici e un gruppo di giovani suore. Un incrocio di contemporaneità urbane le cui vite e i cui amori si intersecano. Vivono in un mondo insicuro dove in ogni momento tutto può accadere. Un’inattesa catena di eventi può suggellare molti destini in appena 11 minuti. Camminiamo su uno strato di ghiaccio sottile. Camminiamo sul’orlo dell’abisso. A ogni angolo è in agguato l’imprevisto, l’inimmaginabile. Il futuro è solo nella nostra immaginazione. Niente è certo: il prossimo giorno, la prossima ora, persino il prossimo minuto. Ogni cosa potrebbe finire repentinamente, nel modo più inatteso.

Leone d’Oro alla carriera al festival di Venezia 2016 a Jerzy Skolimowski che, secondo la dichiarazione del Direttore Alberto Barbera espressa nella motivazione, è tra i cineasti più rappresentativi del cinema moderno nato in seno alla Nouvelle Vague degli anni Sessanta e, insieme con Roman Polański, è il regista che ha maggiormente contribuito al rinnovamento del cinema polacco di quel periodo. Lo stesso Polański (che lo volle accanto come sceneggiatore nel suo film d’esordio Il coltello nell’acqua), ebbe a predire: “Skolimowski sovrasterà la sua generazione con tutta la testa e le spalle”. In realtà, la carriera del “boxeur poeta” (secondo la definizione datane da Andrzej Munk, il “padre” cinematografico di Skolimowski), durata ben oltre cinquant’anni con diciassette lungometraggi realizzati, è stata tutt’altro che facile, segnata da continui dislocamenti – dalla Polonia al Belgio, dall’Inghilterra agli Stati Uniti, prima del definitivo ritorno in patria avvenuto meno di dieci anni fa – che ne hanno contrassegnato l’opera: apolide in apparenza, perché assoggettata a strategie produttive eterogenee ed apparentemente diseguali, in realtà personalissima e originale in ciascuna delle opere in cui si è concretizzata. La trilogia realizzata in Polonia ai suoi esordi, Rysopis – Segni particolari nessuno (1964), Walkover (1965) e Barriera (1966), fu per i Paesi dell’Est ciò che i primi film di Godard sono stati per il cinema occidentale, mentre i capolavori successivi – Il vergine (1967, Orso d’oro a Berlino), La ragazza del bagno pubblico (1970), L’australiano (1978, Grand Prix a Cannes), Mani in alto! (1981), Moonlighting (1982, migliore sceneggiatura a Cannes) – sono tra i film più rappresentativi di un cinema moderno, libero e innovatore, radicalmente anticonformista e audace. I film più recenti realizzati dopo il ritorno in patria – Quattro notti con Anna (2008), Essential Killing (2010, Premio Speciale della Giuria a Venezia) e 11 minuti (2015, in concorso a Venezia) – manifestano infine un’inesauribile e sorprendente capacità di rinnovamento, che lo collocano di diritto tra gli autori più combattivi e originali del cinema contemporaneo.
Come attore, Skolimowski è apparso ne La promessa dell’assassino, Prima che sia notte, Mars Attacks e The Avengers. È anche un pittore provetto, che ha partecipato alla Biennale di Venezia e ha esposto in Europa e negli Stati Uniti.

 

Max Giusti, Arisa e Paolo Ruffini festeggiano il #CattivissimoMeDay

Il 21 giugno alla Casa del Cinema di Roma si è svolto il #CattivissimoMeDay, giornata dedicata al fenomeno campione d’incassi della Illumination Enterteinment, distribuito da Universal Pictures, che ha sfornato il terzo capitolo, Cattivissimo me 3, in uscita nelle sale italiane il 24 agosto. Presenti all’evento per un incontro con la stampa i doppiatori dei protagonisti di Cattivissimo me 3: Max Giusti, che dà voce al protagonista Gru e al ritrovato fratello gemello Dru; Arisa a sua moglie Lucy e Paolo Ruffini al cattivissimo ed esilarante Balthazar Bratt.

IMG_4330

Stamattina mi sono svegliato con in testa ‘Girl’s got a brand new toy’ dei T.X.T.‘, inizia Max Giusti. ‘Gli anni ’80 sono per me l’età dei sogni e della positività. La Illumination ha avuto la capacità di trasportarci nel mondo delle fiabe‘, prosegue l’attore. ‘Ho scritto e recitato roba anni ’80’, afferma Paolo Ruffini. Per me sono l’epoca di Holly e Benji, del Cubo di Rubik, dei walkman… Gli anni ’80 vivono in tutti coloro che amano il cinema. Tutto ciò che esce ora al cinema è figlio di quegli anni‘, continua l’attore. E a proposito del suo personaggio nel film dice: ‘Il mio Balthazar Bratt più che un cattivo è un infelice. Un frustrato dal destino avverso‘.

Sono nata nell’82 e quindi ho vissuto più gli anni ’90 che gli ’80‘, interviene Arisa. ‘Però ricordo che mi piacevano i colori e la spontaneità degli anni ’80. Anche in famiglia si viveva molto bene. Nel film do la voce a Lucy e per farlo mi sono ispirata molto all’originale, doppiata da Kristen Wiig. Amo molto il personaggio, è una mamma ed è super paziente. Ma deve anche dividersi fra famiglia e lavoro, fra affetti e carriera. Non è facile ma lei riesce sempre ad arginare gli ostacoli‘.

Max Giusti parla, poi, più diffusamente dei suoi personaggi nel film: ‘Steve Carrell nella versione originale ha scelto per Gru una voce da immigrato dell’Est. Per il mio Gru, invece, ho cercato di alternare una voce cattiva a una più dolce. Per il suo gemello Dru, al contrario, ci si è ispirati molto al modello originale americano. Il personaggio di Gru mi è carissimo. Io non amo i cartoni, mi annoiano facilmente, ma Illumination riesce a rendere Cattivissimo me mai banale o stucchevole. Gru si è evoluto nei tre episodi, anche nel doppiaggio, e come lui anche io l’ho fatto. I cartoni ti aiutano a ‘ripulirti’ e sono una grande opportunità umana per tornare ad un mondo quasi dimenticato. In più, mi hanno reso un vincente agli occhi dei bambini, e non è poco, visto che noi comici non vinciamo mai!‘.

Per me Cattivissimo me è un film sulla felicità. Sulla libertà. Sulla catarsi. Un film politico. Ti racconta qualcosa sul raggiungimento dei sogni, racconta qualcosa di te che forse non sai ancora. Un film originale, colorato, urgente, che alterna bene risate ed emozione‘, conclude Ruffini.

Roberto Puntato

KRIMI: libri, birra e cinema al Nuovo Sacher dal 23 al 25 giugno

IMG_4349

Libri, birra e colpi di pistola. È KRIMI, il primo Festival italiano dedicato al Giallo Tedesco contemporaneo che si terrà a Roma dal 23 al 25 giugno, al Cinema Nuovo Sacher di Nanni Moretti. Serata conclusiva martedì 26 giugno a Massenzio nell’ambito di Letterature Festival Internazionale di Roma.
Ci saranno l’estate, un cinema che è un’icona, un’arena all’aperto. Protagonista sarà lei, la letteratura – esclusivamente “gialla” ed esclusivamente tedesca – servita con birra artigianale ghiacciata e proposte gastronomiche di Campagna Amica.
Il Festival è ideato e organizzato dalla casa editrice Emons con il patrocinio del Comune di ROMA Assessorato alla Crescita culturale; con il sostegno dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania e dell’Istituto Storico Germanico di Roma; in collaborazione con Letterature Festival Internazionale di Roma, il Forum Austriaco di cultura di Roma, l’Istituto Italiano di Studi Germanici, il Goethe-Institut Rom e le case editrici Edizioni E/O, Corbaccio, Longanesi. Media partner RadioLibri, Radio Città Futura, Romeing e Roma Today.
Dai gialli al cinema, il programma si snoda tra conversazioni e incontri tra scrittori italiani e tedeschi, critici e giornalisti, proiezioni, reading con i migliori attori italiani.
Giocano in casa Giancarlo De Cataldo e Maurizio de Giovanni. Dalla Germania i tedeschi Friedrich Ani (Emons), Wulf Dorn (Corbaccio), Harald Gilbers (Emons), Andreas Gruber (Longanesi), Veit Heinichen (e/o), Volker Klüpfel e Michael Kobr (Emons), Andreas Pflüger (Emons), Melanie Raabe (Corbaccio).
Festa grande nella serata inaugurale di venerdì 23 giugno, con la proiezione de L’amico americano di Wim Wenders (con sottotitoli in italiano), a 40 anni dalla sua prima uscita nelle sale.

Film in programma:
Tutte le proiezioni saranno in versione originale con sottotitoli
▪ L’amico americano di Wim Wenders (1977) tratto dall’omonimo romanzo giallo di Patricia Highsmith (durata: 123 min).
▪ Süden und der Luftgitarrist (Süden e il chitarrista immaginario) di Dominik Graf (2008). Film-tv. Sceneggiatura: Friedrich Ani (durata: 90 min.)
▪ Milchgeld (Spiccioli per il latte) di Rainer Kaufmann (2012). Film-tv tratto dal libro omonimo di Volker Klüpfel e Michael Kobr (durata: 100 minuti).

Ospiti tedeschi:

Friedrich Ani pluripremiato giallista tedesco, vincitore per sette volte dell´autorevole Deutscher Krimi Preis, è anche autore di numerosi romanzi, libri per ragazzi, poesie, radiodrammi e sceneggiature. I suoi libri sono pubblicati in Italia da Emons Edizioni: Süden. Il caso dell’oste scomparso (2015), Süden e la vita segreta (2016), M come mia (2016). In uscita il prossimo autunno autunno il romanzo Il giorno senza nome, da cui il regista Volker Schlöndorf sta girando un film.

Wulf Dorn scrittori di gialli e thriller fra i più acclamati d’Europa, per anni ha lavorato come logopedista per la riabilitazione del linguaggio in pazienti psichiatrici. Maestro del genere psychothriller, debutta con La psichiatra (Corbaccio 2010), che ottiene un notevole successo grazie al passaparola dei lettori. Tra gli altri suoi libri, Il superstite (2011), Follia profonda (2012), Il mio cuore cattivo (2013), Phobia (2014), Incubo (2016). Appena uscito in anteprima mondiale il nuovo romanzo Gli eredi, sempre pubblicato da Corbaccio.

Harald Gilbers nato nel 1969 a Monaco di Baviera, ha studiato letteratura inglese e storia moderna e contemporanea. Scrittore e regista teatrale, ha lavorato come giornalista delle pagine culturali e per la televisione. I diritti della trilogia dell´ex commissario ebreo costretto a risolvere i casi della Gestapo è stata venduta in diversi paesi e sta diventando un film. Il primo volume, Berlino 1944 (Emons Edizioni 2016), è stato pubblicato in Italia lo scorso autunno. Il seguito, I figli di Odino, ambientato nel Terzo Reich, uscirà il prossimo ottobre sempre per i tipi di Emons.

Brigitte Glaser è nata nella Foresta nera nel 1955 e vive da molti anni a Colonia. Sapiente scrittrice di gustosi gialli culinari, oltre alle serie sulla cuoca Katharina Schweitzer – “La prima donna ad entrare a far parte dell’olimpo letterario degli chef investigatori.” (La Repubblica), e a quella precedente su due detective donne, Glaser ha pubblicato diversi libri per ragazzi. In Italia, Emons Edizioni ha pubblicato Delitto al pepe rosa (2015), Morte sotto spirito (2016) e Assassinio à la carte (2017). Il suo ultimo romanzo, Bühlerhohe, ha scalato le classifiche tedesche.

Andreas Gruber viennese, classe 1968, una laurea in Economia. Vive con la famiglia e cinque gatti a Grillenberg, in Austria. È autore di racconti e di romanzi di successo grazie ai quali ha vinto numerosi premi, come il Leo Perutz e, per ben tre volte, il Deutscher Phantastik Preis. I suoi romanzi sono pubblicati in tutta Europa e in Giappone, Corea e Brasile. In Italia Longanesi ha pubblicato nel 2016 Sentenza di morte.

Veit Heinichen fondatore e editore della famosa Berlin Verlag, è uno scrittore tedesco che vive ormai da molti anni a Trieste. I suoi romanzi sono tradotti in diverse lingue. Fra gli scrittori europei di noir di maggior successo, ha vinto numerosi premi, fra cui il Premio della Radio Televisione di Brema, nel 2010 il Premio Azzeccagarbugli come miglior romanzo straniero e il XIII premio internazionale Trieste Scrittura di Frontiera e, nel 2012, il Gran Premio Noè. Nel 2012 è stato finalista per l’European Crime Fiction Star Award a Unna in Germania. Tutti i suoi romanzi sono pubblicati in Italia da Edizioni E/O, l’ultimo è La Giornalaia (2017).

Volker Klüpfel e Michael Kobr soprannominati K&K, sono nati a Kempten e sono amici fin dai tempi della scuola. Lo straordinario successo di Milchgeld (Spiccioli per il latte) ha dato inizio alla serie del commissario Kluftinger con ben nove titoli pubblicati in Germania. Nel 2008 e nel 2009 K&K hanno vinto il MIMI, il premio dei librai tedeschi dedicato al giallo. “Klüpfel e Kobr sono la coppia d´autori più venduta di tutta la Germania” (“Der Spiegel”). Il commissario di campagna Kluftinger è diventato anche il protagonista di una serie di film per la tv. Spiccioli per il latte è stato pubblicato in Italia da Emons Edizioni (2016) e sono in preparazione altri episodi della serie.

Andreas Pflüger classe 1957, è uno fra i più brillanti sceneggiatori tedeschi. Fra i suoi lavori, i pluripremiati Der neunte tag (2004) e Strjke – Die Heldin von Danzig (2006), per la regia di Volker Schlondorff. Dal 2012 Pflüger ha scritto anche una dozzina di episodi della serie tv tedesca per eccellenza, Tatort. Nero assoluto è il suo primo romanzo, un caso editoriale in Germania, scelto da iTunes come miglior thriller del 2016. In Italia Nero assoluto uscirà per Emons Edizioni il 25 maggio.

Melanie Raabe è nata a Jena e cresciuta in Turingia; ha studiato Scienze della comunicazione e Letterature comparate a Bochum. Oggi vive a Colonia. È blogger, giornalista e autrice di racconti e testi teatrali. La trappola, il suo primo romanzo, è stato venduto in oltre dieci paesi prima ancora di essere pubblicato (diritti cinematografici comprati da Hollywood). È appena uscito il suo nuovo romanzo La verità, pubblicato in Italia da Corbaccio.

Ospiti italiani:

Giancarlo De Cataldo vive a Roma dove è stato giudice presso la Corte d’Assise. Ha scritto molti romanzi – tutti pubblicati da Enaudi – fra cui il popolare Romanzo criminale, Premio Scerbanenco 2003. Del 2007 è Nelle mani giuste e del 2009 La forma della paura, scritto a quattro mani con Rafele Mimmo. Io sono il Libanese (2012) è stato letto dall’autore anche in audiolibro. Nel 2013 De Cataldo firma con Gianrico Carofiglio e Massimo Carlotto un volume di racconti intitolato Cocaina. Sempre del 2013 è Suburra di cui è autore insieme a Carlo Bonini. Del 2014 sono I semi del male e Nell’ombra e nella luce.

Maurizio de Giovanni è uno dei più popolari e prolifici scrittori italiani. Autore per i tipi di Einaudi delle serie del commissario Ricciardi e dei Bastardi di Pizzofalcone, portata sul piccolo schermo e diventata uno dei programmi di maggior successo degli ultimi anni. I suoi libri sono pubblicati con successo in diversi paesi, tra cui Stati Uniti e Germania. Per Rizzoli è appena uscito il primo volume della serie “I guardiani”.

PROGRAMMA

VENERDì 23 GIUGNO

ORE 19,00​ Lectio magistralis: Il giallo secondo Corrado Augias

ORE 20,00​ Una birra con gli autori: Melanie Raabe e Veit Heinichen. Modera Cristina Marra (giornalista).

Ore 21,30​ Film: Der amerikanische Freund (L’amico americano), regia di Wim Wenders (1977, 123 min. – v.o. con sottotitoli italiani, biglietto: € 6)

SABATO 24 GIUGNO

ORE 19,00 ​Una birra con gli autori: Wulf Dorn e Andreas Gruber. Partecipa Roman Hocke (agente letterario), modera Cristina Marra.

ORE 20,15​ Una birra con gli autori: Volker Klüpfel e Michael Kobr (K&K). Partecipa Stefano Finesi (critico cinematografico), modera Cristina Marra.

ORE 21,30 ​Film (ingresso libero): Milchgeld (Spiccioli per il latte) regia di Rainer Kaufmann (2012, 100 min. – v.o. con sottotitoli italiani)

DOMENICA 25 GIUGNO

ORE 18,00​Una birra con gli autori: Harald Gilbers e Maurizio de Giovanni. Partecipa Fabrizio d’Esposito (Il Fatto Quotidiano), modera Angelo Bolaffi (germanista).

ORE 19,30​ Una birra con gli autori: Andreas Pflüger e Giancarlo De Cataldo

ORE 20,30​ Una birra con gli autori: Friedrich Ani. Partecipa Giovanni Spagnoletti (critico cinematografico), modera Sebastiano Triulzi (La Repubblica)

ORE 21,30​ Film (ingresso libero): Süden und der Luftgitarrist (Süden e il chitarrista immaginario), regia di Dominik Graf (2008, 89 min. – v.o. con sottotitoli italiani)
ORE 23,00 – ​ Musica (dj-set)

 

Le protagoniste della 15ma edizione del Premio Afrodite

IMG_4348

Quindici donne per le prime quindici edizioni di AFRODITE: sono le premiate che hanno ricevuto ieri sera, 21 giugno, agli Studios di Roma il riconoscimento 2017 assegnato da una giuria femminile alle protagoniste nel mondo del cinema, della fiction e della tv e -per il secondo anno- anche nel giornalismo e nello sport.

Un appuntamento dedicato al’eccellenza e alla creatività delle donne che festeggia lo Spettacolo, ma anche l’immagine della creatività al femminile. Ecco i premi assegnati quest’anno dal Direttivo –tutto al femminile- dell’Associazione :

LE PROTAGONISTE della 15ma edizione:

L’attrice esordiente dell’anno – per ‘Il Permesso, 48 ore fuori’ di Claudio Amendola

Valentina Bellè

Cinema- L’attrice regina della nuova commedia- per ‘Che vuoi che sia’ di Edoardo Leo

Anna Foglietta

Cinema-Migliore attrice non protagonista per ‘Lasciati andare’ di Francesco Amato

Carla Signoris

Cinema e tv- Per il talento internazionale

Alessandra Mastronardi

Fiction – Il cast femminile dell’anno – per ‘Di padre in figlia’ di Riccardo Milani

Stefania Rocca, Francesca Cavallin, Demetra Bellina

Fiction – Regista dell’anno per ‘Sorelle ‘

Cinzia Th Torrini

Cinema- per il miglior montaggio –‘ La pazza gioia’ di Paolo Virzì

Cecilia Zanuso

Dalla Moda al Cinema- per un successo folgorante

Madalina Ghenea

Giornalismo e tv, per le sue ‘Storie maledette’

Franca Leosini

Tv- Il personaggio dell’anno

Lorella Cuccarini

Il libro- Dopo il cinema e la tv, un esordio da scrittrice

Chiara Francini

per l’eccellenza nello sport, ad un’atleta oggi vicepresidente del CONI

Alessandra Sensini

Dal teatro alla tv l’attenzione al mondo femminile tra impegno e comicità

Barbara Tabita

Riconoscimento per la qualità dell’impegno sociale nella fiction la serie di TV 2000 a Chiara Salvo per Kemioamiche

Premio Afrodite sostiene AIL

AFRODITE

Il Premio, quest’anno alla sua 15ma edizione, è ideato e assegnato dall’Associazione DONNE NELL’AUDIOVISIVO PROMOTION, attiva dal 1996, e dedicato interamente all’universo femminile nell’ambito dello Spettacolo, e in particolare del cinema, della fiction, della cultura e della creatività femminile. La giuria lo assegna scegliendo in una rosa di donne che hanno contribuito con il proprio lavoro,la propria creatività e immagine a promuovere la professionalità al femminile ma anche a sottolineare la sensibilità per tutti I temi che riguardano le donne.

Oltre ad attrici, registe e produttrici, è infatti consuetudine di Afrodite dedicare un riconoscimento speciale ad altre figure professionali dello Spettacolo che con le loro capacità danno un contributo importante e fondamentale al sistema cultura Italia.

L’Associazione “DONNE NELL’AUDIOVISIVO PROMOTION – WOMEN IN FILM ITALY” rappresenta tutte le professionalità del settore audiovisivo, affiliata alla rete “WOMEN IN FILM AND TELEVISION INTERNATIONAL” presente in tutto il mondo, in 42 gruppi, per un totale di 15.000 socie.

A guidare in Italia l’iniziativa – un atto d’amore per l’arte, il cinema, la cultura, lo sport oltre la festa per le protagoniste di ogni edizione- è da sempre la Presidente Cristina Zucchiatti : è grazie al suo impegno e al sostegno del gruppo Direttivo se il Premio ha aumentato negli anni una visibilità che dà forza alla professionalità e alla qualità dell’impegno delle donne. Affiancano Cristina Zucchiatti nel Direttivo Paola Poli, Laura Delli Colli, Patrizia Biancamano.

 

La variegata e originale nuova stagione del Teatro Olimpico

1BD500A9-2D7E-4C4C-B818-DAE9A0429747.jpg

Dopo il grande successo della passata stagione, lo storico Teatro Olimpico presenta una variegata ed esaltante serie di nuovi spettacoli per la stagione 2017/2018. Attraverso la collaudata formula dell’abbonamento libero, il pubblico potrà scegliere fra i 15 notevoli spettacoli in programma, che non mancheranno di accontentare i gusti più vari.

Apre la stagione una grande prima nazionale: Giselle, con le coreografie di Dada Masilo (dal 28 settembre), che si esibirà anche in scena con altri 11 danzatori. Uno spettacolo suggestivo, energico, vitale, legato alla terra e alle origini, e che pulsa come le percussioni africane presenti in colonna sonora.

Tra gli spettacoli di inizio stagione, c’è anche Red Bull Flying Bach (15 ottobre) con la direzione artistica di Vartan Bassil e Christoph Hagel, in cui la breakdance si fonde sorprendentemente con la musica di Bach, in una miscela originalissima.

La stagione 2017/2018 segna anche il ritorno di compagnie di fama internazionale: prima fra tutti, a partire dal 17 ottobre, la compagnia dei Momix di Moses Pendleton, che festeggia i suoi 35 anni di esistenza presentando Viva Momix Forever, in cui immagini oniriche e fantastiche vengono evocate grazie all’interazione di corpi umani, costumi, attrezzi e giochi di luce.

Dopo il successo di Carmen, torna anche l’Orchestra di Piazza Vittorio, che si cimenta con un altro caposaldo del genere operistico, il Don Giovanni di Mozart. Prodotta dall’Accademia Filarmonica Romana e dal Festival francese Les Nuits de Fourvière, questa curiosa e originale versione della celebre opera vede la talentosa cantante Petra Magoni vestire a sorpresa i panni di Don Giovanni, in una rivisitazione gustosa di brani e situazioni entrati ormai nel nostro immaginario (dal 9 novembre).

Ritorna anche la spy-comedy più esilarante del nuovo teatro italiano firmata Lillo & Greg, che mettono in scena il loro ultimo L’uomo che non capiva troppo (dal 28 novembre). Per ridere con intelligenza, fra omaggi e citazioni.

Il mattatore Maurizio Battista ci accompagnerà invece nelle feste di Natale (dal 26 dicembre), proponendo il nuovo Cavalli di razza e vari puledri. Un viaggio divertentissimo dagli inizi della sua carriera ad oggi, in una serie imperdibile di gag comiche.

Come consuetudine a fine gennaio le luci sono rivolte sull’atteso gran galà dell’illusione Supermagic 2018 Miraggi (dal 25 gennaio); mentre Riccardo Rossi sarà in scena dal 6 febbraio con il nuovo “W le donne!”, un viaggio divertente e appassionato nel mondo femminile.
A seguire, il graditissimo ritorno di Max Giusti (dal 20 febbraio), con la sua comicità camaleontica e stravagante.

Nella seconda metà di marzo, un’intera settimana è dedicata all’Arte. Corrado Augias propone “L’eterno incanto di venere – Da Prassitele a Modigliani” (14 marzo), una interessantissima riflessione sul concetto di nudità; mentre Vittorio Sgarbi ci conduce nel fascinoso mondo di uno degli artisti più grandi di sempre, “Michelangelo” (dal 15 marzo).

Dal 20 marzo è in programma uno spettacolo a sorpresa presentato da MF Produzioni; da non perdere, inoltre, i quattro spettacoli di danza, in scena tra marzo e aprile, dell’ottava edizione del Festival Internazionale della Danza di Roma 2018, appuntamento tradizionalmente organizzato insieme all’Accademia Filarmonica Romana.
In scena ci saranno, quindi, Carmen, del coreografo e regista Amedeo Amodio (in scena dall’8 marzo); Mediterranea (dal 10 marzo), di Mauro Bigonzetti, eseguita da 20 danzatori solisti della Daniele Cipriani Entertainment; Notte Tzigana (17 e 18 aprile), del violinista Antal Szalai, con la sua Orchestra Tzigana di Budapest; e infine Pastora Baila (19 e 20 aprile), spettacolo di flamenco firmato dalla bailaora Pastora Galván, vera e propria icona del genere.

Non manca nella programmazione l’operetta, in una serata di excursus tra le arie principali del genere, diretta da Sandro Pecorelli Corelli (21 aprile), che vedrà alternarsi le soprano Daniela Mazzucato e Maria Giavanna Michelini e i tenori Max René Cosotti e Andrea Binetti.

Una vera e propria opera lirica è invece la messa in scena della Carmen di Georges Bizet (26 aprile), presentata dall’Accademia Filarmonica Romana e prodotta da As.Li.Co, nel quadro del progetto denominato l’Opera per tutta la Famiglia. Il capolavoro operistico di Bizet è stato scelto quest’anno per il tradizionale progetto educativo sull’opera lirica pensato per i ragazzi e per le loro famiglie, che da anni la Filarmonica presenta in esclusiva per Roma.

L’amatissimo musical cult Dirty Dancing rivive nella versione di Federico Bellone e chiude la stagione, festeggiando i suoi 30 anni (dal 4 maggio).

Diversi anche gli appuntamenti con la musica live: De André canta De André (14 ottobre) che vede Cristiano De André interpretare sul palco un repertorio ricco di brani del padre che si affiancano ai suoi brani più celebri. E ancora i concerti rock che omaggiano gli strepitosi anni ’70. (dal 12 marzo).

Per ulteriori informazioni, visitare il sito ufficiale: http://www.teatroolimpico.it

Alberto Leali

 

Viva la MUSICA: il programma completo di oggi, per festeggiare il solsistizio d’estate

Festa-della-Musica

Oltre 250 le adesioni ricevute sul sito www.festadellamusicaroma.it alla mezzanotte del 19 giugno, data ultima per poter aderire alla manifestazione. Online il programma di appuntamenti, improvvisazioni e performance organizzati da cittadini, associazioni e istituzioni. La manifestazione si compone di eventi ospitati in piazze, parchi, strade, accademie, ambasciate, biblioteche, centri anziani, scuole, carceri, librerie, teatri, istituti di cultura, ospedali, centri sportivi e locali, con musicisti professionisti e amatoriali. Così Roma quest’anno accoglie e rafforza lo spirito della prima Festa lanciata in Francia nel 1982 dall’allora Ministro della Cultura Jack Lang: permettere alla musica di invadere le strade della città, dalla periferia al centro ed essere insieme occasione e veicolo di relazioni umane. Oltre all’adesione di enti e istituzioni pubbliche e private, quest’anno i cittadini avranno la possibilità di fare musica in città, per trasformare la festa di inizio estate in una importante occasione di partecipazione e collaborazione.

Dalle 19.30 alle 24 il Love Bus Party uno speciale autobus di due piani porterà in giro per la città da piazzale S. Giovanni Bosco a San Lorenzo una superband formata da artisti di strada, fiati e percussionisti (a cura di Ex Dogana).

In questa 32ima edizione europea, Roma festeggia il solstizio d’estate con una manifestazione partecipata, spontanea e gratuita promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale insieme al Dipartimento Attività Culturali di Roma Capitale in collaborazione con MiBACT, SIAE e ATAC S.p.A. e Roma Servizi per la Mobilità e con la comunicazione di Zètema Progetto Cultura. Il programma completo è su www.festadellamusicaroma.it

 

ALCUNI EVENTI IN PROGRAMMA

 

MUSICA PER STRADA

 

“Concerto per la Pace”

Ore 18.00 – Ara Pacis

Beyond Borders Ensemble è un gruppo formato da cinque musicisti provenienti da diversi paesi – Algeria, Corea del Sud e Italia – e di differenti religioni, uniti nel nome della musica. L’idea del progetto è quella di esprimere culture diverse attraverso il linguaggio plurale ed universale della musica.

A cura di Ambasciata della Repubblica Algerina Democratica e Popolare in Italia

 

“For Gershwin Duo”

Ore 18.00 – 18.30 – Area antistante il Botteghino del Teatro Argentina

Il Duo De Angelis Raponi (Daniele De Angelis al contrabbasso e Danilo Raponi al sax tenore) propongono alcune delle composizioni più famose di George Gershwin, il musicista americano che ha scritto pagine indimenticabili della musica del primo Novecento.

A cura di Teatro di Roma

 

“Sweetwater Jazz Band”

Ore 18.00 – 20.00 – 22.00 – Palazzo delle Esposizioni

La “Sweetwater Jazz Band”, diretta dal M° Michael Supnick, è dedicata a Louis Armstrong, si ispira allo stile delle piccole orchestre che si incontravano nelle strade di New Orleans.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

A cura di Azienda Speciale Palaexpo

 

“Architettura in Musica”

Ore 18.00 – 24.00 – Dipartimento di Architettura – Roma Tre

L’idea guida dell’evento è quella di coinvolgere studenti e professori dell’Ateneo in una sorta di street music organizzata facendoli esibire separatamente e in contemporanea lungo i percorsi interni dell’ex Mattatoio di Testaccio, sede del Dipartimento di Architettura di Roma Tre.

A cura del Dipartimento di Architettura della Università degli Studi Roma Tre.

 

“Rock & NewsPaper”

Ore 20.00 – 23.00 – via Tino Buazzelli, 63

Durockers è un gruppo amatoriale di sei amici che fa cover rock e suona insieme da 20 anni. Uno dei componenti è il proprietario dell’edicola davanti cui si suonerà.

 

“Senza casse

Ore 21.00 – 23.00 – Via delle Sette Chiese. Davanti alla Esedra residenziale dell’Architetto A. Vicario 

L’evento si svolge in contemporanea con la apertura nella Galleria Embrice di una mostra dedicata all’artista Giapponese Tatsuo Uemon Ikeda, a partire dalle ore 19.

Cinque Professionisti Flauti dilettanti : Sinfonia per un Addio (Rondò veneziano); Canone in re maggiore (Pachelbel); Aria sulla quarta corda (Bach); Hungarian dance (Bach); The entertainer (Joplin); allegro suonata e piano N16 in do mi( Mozart ).

A cura di Embrice 2030, I capelli raccontano, AA2, Conceptio in Itinere.

 

“La maggioranza approva”

Dalle 22.00 alle 24.00 – Santa Maria in Trastevere

Musiche originali e cover della band degli Amministratori di Condominio.

In collaborazione con Anaci.

Per altre informazioni: www.festadellamusica.beniculturali.it

 

Mercato in Musica

18.00-22.00 – Mercato Nomentano, Piazza Alessandria

Musica Rock Pop, con menù di aperitivi e street food, organizzati dagli operatori del Mercato Nomentano

 

Cor Pigneto Live Set

18.00-22.00 – Cortile Biblioteca Goffredo Mameli, Via del Pigneto

La corte della biblioteca G.Mameli, ospita la jam session LIBERA di Radio Base 95. A seguire dj set. A disposizione di chi vorrà suonare:1 basso, 1 chitarra elettrica, 1 mic, un piano elettrico.

 

GIOVANI CANTAUTORI

 

“Festa del Parco della Musica Castrense”

Ore 18.00-21.30  – Viale Castrense 45

Vladimiro Modolo, Andrea Orchi, Mi manda chiunque, Laser Cobra, Agnese, Francesco Ciancio, Banda Scup, Coro della Scuola Di Donato: cantautori e giovani musicisti romani si esibiscono in Viale Castrense 45 per la Festa della Musica di Roma.

Saranno organizzati anche giochi, laboratori e gare sportive per bambini.

A cura di Comitato Villa Fiorelli

 

“Quisisuona”

Ore 18.30 – 23.30 – Giardini pubblici Piazza Manila

Diamo una piazza e un palco a tre fresche formazioni romane. Spazieremo dal cool jazz di Delogoo, Loddo & Peas (chitarra, contrabbasso e vibrafono) ai motivi senza tempo riproposti dai Sinaltra in chiave bossa e new soul al repertorio pop vocal jazz del Tahnee Rodriguez Quintet.

A cura di TreeBar Roma – Treebù S.r.l.

 

“La Femme / Cosmo – palco franco-italiano”

Ore 21.00-23.30 – Piazza Farnese

A Roma, nell’esclusiva cornice di Piazza Farnese, si svolgerà il concerto che celebra l’arrivo del’Estate con la festa Europea della Musica. Concerto in diretta su Radio2.

A cura di Ambasciata di Francia/Institut français Italia

 

“Lucy Rose”

Ore 21.00 – 24.00 – Il Giardino di Monk c/o Monk

“Something’s changing” in Lucy Rose. La cantautrice ventottenne inglese per il suo nuovo album ha voluto violare ogni conformità e spingersi oltre i propri confini emotivi.
Ingresso libero. Vi informiamo che per l’ingresso è prevista la tessera.

A cura di Monk

 

 “BdB”

Ore 22.30-24.00 – Fennel Factory

Nella loro fase creativa i bdb cercano di liberarsi dagli stereotipi musicali, mainstream o alternativi che siano, cercando di creare sempre qualcosa di nuovo, evadendo da classificazioni di generi ed etichette.

I bdb sono: Andrea Pietrangeli  (Voce, tastiere, chitarra ritmica), Andrea Inneo (Voce, basso), Lorenzo Pompili (Voce, chitarra solista) e Andrea di Antonio (Batteria).

Ingresso libero. Vi informiamo che per l’ingresso è prevista la tessera.

A cura di Fennel Factory

 

MUSICA E LABORATORI PER I PIÙ PICCOLI

 

“Contenti e s…tonati!”

Ore 17.00 – 19.00 – Biblioteca Centro Culturale Aldo Fabrizi

Piccole performance musicali con danze, canti e strumentario Orff  e concerto con Scuola primaria G. Palatucci, Associazione Genitori del 141 Circolo Didattico, Sebastiano Forte, Associazione MUS-E Roma Onlus, Orchestra diretta dal Maestro Fiorenzo Di Virgilio, I Coronati coro e beat diretti da Olivia e Dani J della Scuola secondaria F. Fellini.

A cura di Municipio Roma IV

 

“Un ponte in musica tra palco e realtà”

Ore 17.00 – Punto Luce Ponte di Nona di Save the Children

Evento dedicato ai bambini e ai ragazzi con l’associazione musicale Scipasagi e le band musicali del territorio.

A cura di Save the Children

Per altre  informazioni  www.festadellamusica.beniculturali.it

 

“Ragazzi all’opera”

ore 17.30-19.00 – Biblioteca Gianni Rodari

Letture a tema presso la Biblioteca Gianni Rodari per bambini e famiglie. In preparazione allo spettacolo del Don Giovanni di Mozart in programma per OperaCamion.

A cura di Biblioteche di Roma

 

“Juniorchestra Start”

Ore 18.00 – 19.00 – Spazio Risonanze dell’Auditorium Parco della Musica

Lezione interattiva del corso strumentale JuniOrchestra start dedicato a bambini dai 6 ai 10 anni.

I partecipanti saranno introdotti al linguaggio della musica, conosceranno strumenti come il contrabbasso, il fagotto, il corno e potranno provare a suonarli con i docenti dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

A cura di Accademia Nazionale di Santa Cecilia

 

“Musica in ogni luogo”

Ore 18.00 – 20.30 – Musei di Villa Torlonia

Il piccolo coro Kol Rina della scuola Soglian di Olgiata con il Coro Meraviglioso delle Maestre presentano brani di canto popolare e moderno, i piccoli fanno parte della Galassia dell’Antoniano e hanno nel loro repertorio molti brani dello Zecchino d’Oro.

A cura dell’Associazione Kol Rinà

 

 “Festa del Parco della Musica Castrense”

ore 18.30-20.30 – Biblioteca Nelson Mandela

Nella biblioteca Nelson Mandela, concerto per archi con il M° Luca Traietto e l’ensemble di archi Le Mille Corde e l’Orchestra Piccoli Amadeus. Su viale Castrense, completamente pedonalizzato, iniziative sportive e musicali.

A cura di Biblioteche di Roma e con il patrocinio del Municipio VII, in collaborazione con i comitati e delle associazioni del coordinamento SMS (San Giovanni Mobilità Sostenibile).

 

 “L’Atlante di GiocaJazz”

Ore 18.30 – 20.00 – Auditorium Parco Della Musica, Cavea

Un grande concerto per tutti ma soprattutto per i bambini che potranno cantare con l’orchestra di Massimo Nunzi formata da ben 14 musicisti, tutte le canzoni che hanno imparato durante i concerti della serie GiocaJazz, che si sono tenuti all’Auditorium durante l’inverno.

GiocaJazz è un progetto per tutti, dove la musica è raccontata, vissuta e spiegata ai bambini dai 4 ai 12 anni.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

A cura della Fondazione Musica Per Roma

 

“San Carlino in Musica!”

Ore 18.30 – 21.30 – Teatro San Carlino

Una serata in musica al Teatro San Carlino in compagnia del “Fabio Hammond Orfanelli quartet” che intratterrà il pubblico con un repertorio composto dai brani più famosi di swing italiano.

Ore 18:30 – 19:30 Laboratorio musicale “Ritmiamo”

Ore 19:30 – 21:30 Concerto “Fabio Hammond Orfanelli quartet”

A cura del Teatro San Carlino

 

 

MUSICISTI CRESCONO

 

“Note d’estate, un amore di musica!”

Ore 17.30 – 19.30 – Biblioteca Pier Paolo Pasolini

Festa della Musica 2017. Kermesse Musicale con Arts and Music school, Corale Polifonica  Laurentum San Romualdo, Coro P.A.C.A.O.

A cura di Sistema delle Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale

 

“Spazio ai musicisti”

Ore 18.00 – 24.00 – Conservatorio di musica “S. Cecilia” di Roma

Sul prestigioso palco della Sala Accademica del Conservatorio si alterneranno in diverse formazioni musicali, dal solista alla musica da camera, i migliori studenti del Conservatorio.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

A cura del Conservatorio di musica “S. Cecilia” di Roma

 

 “Aspettando Don Giovanni”_ Opera Camion

Ore 18.00 – 19.00 – Biblioteca “Vaccheria Nardi”

La Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma in collaborazione con i cantanti del progetto “Fabbrica”, porterà negli spazi della Biblioteca “Vaccheria Nardi” un programma di ouverture, arie e interludi strumentali da alcune delle opere più belle del repertorio.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

A cura della Fondazione Teatro dell’Opera di Roma e del Sistema delle Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale

 

“Street Music”

Ore 18.00 – Giardini del Colosseo

Street music in un luogo simbolico come Colosseo/Arco di Costantino con i ragazzi musicisti dei Nuclei del Sistema delle Orchestre e dei Cori giovanili e infantili in Italia Onlus.

I Nuclei del Sistema che partecipano sono:

Musica Bene Comune (Roma)
Progetto Musica MAES – Miscellanea Arte e Scienza (Roma)
Collegium Musicum e Giovani Filarmonici Pontini (Latina)
Sonora Junior Sax (Avellino)

Il Sistema delle Orchestre e dei Cori giovanili e infantili in Italia Onlus, da alcuni anni, sta portando avanti un progetto rivoluzionario nel campo dell’educazione e formazione musicale per i bambini e i ragazzi sia in età prescolastica che in fascia scolastica.

Sono già oltre 15.000 bambini e ragazzi che partecipano alla crescita di questo importante progetto sociale, riuniti in più di 70 Nuclei distribuiti in 17 Regioni italiane.

A cura del Sistema Orchestre e Cori Giovanili e Infantili in Italia Onlus.

Per altre  informazioni  www.festadellamusica.beniculturali.it

 

“Piccoli talenti in concerto”

Ore 18.00 -19.10 – Chiesa di San Nicola da Tolentino

Gli allievi della scuola Musicali “Sfumature”, bambini e ragazzi dai 5 ai 12 anni, eseguono brani scelti da un repertorio classico e moderno.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

A cura di Ambasciata della Repubblica d’Armenia – Nelli Hakobyan e Diana Gabrielyan

 

 “Porte Aperte a Villa Gordiani”

Ore 18.30 – 20.30 – Scuola Popolare di Musica di Villa Gordiani

18.30 -19.30: esibizione delle band di allievi (pop-rock)

19.30-20.30: laboratorio di percussioni aperto al pubblico che potrà cimentarsi in un’esperienza musicale intuitiva.

A cura di Scuola Popolare di Musica di Villa Gordiani

 

“Testaccio in Musica”

Ore 18.30 – 23.30 – Ex Mattatoio di Testaccio

Un viaggio tra le poetiche dei diversi generi musicali e tra le proposte didattiche della Scuola Popolare di Musica di Testaccio.

ore 18.30 – Impro Jazz Ensemble diretto da Roberto Nicoletti

ore 21.00 – Orchestra di Organetti della Spmt diretta da Alessandro Parente

ore 22.00 – Ensemble di chitarre diretto da Massimo Nardi

ore 22.50 – Modern Piano a cura di Carlo Cittadini

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

A cura della Scuola Popolare di Musica di Testaccio

 

“Jazz Oltre Night”

Ore 19.00 – 24.00 – Casa del Jazz

Concerti di allievi e docenti dei corsi di musica “Jazz Oltre”

Ore 19.00 (sala concerti della Casa del Jazz)

“Sicily Jass” di Michele Cinque (73′, Italia, 2015)

Documentario su Nick La Rocca, presentazione a cura di Andrea Polinelli.

ore 20.30 (parco della Casa del Jazz)

“Jazz Oltre Night” tre concerti alle ore 20.30, 21.30 e 22.30.

A cura di Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con il Conservatorio di Musica S. Cecilia

 

 “Voice and the City”_ I luoghi del canto

Ore 19.00 – 20.15 – Museo Napoleonico 

Dalle capitali europee con Mozart, Verdi e Rossini alla New York notturna del Blue Notes Jazz Club. 

Il concerto spazierà dal repertorio classico cameristico a brani d’opera tratti dai repertori storici per arrivare alle atmosfere del canto moderno con incursioni nel soul, nel blues e nel jazz e rivelerà un attento lavoro storico-stilistico e tecnico svolto all’interno del corso di canto del Liceo Musicale “Farnesina”. I cantanti e i musicisti sono tutti giovani artisti già inseriti nel mondo professionale.

Soprani: Désirée Giove, Elena Mele, Lavinia Martina Seitz

Tenore: Gabriele Sandi

Vocalist: Angelica Poletto, Asia Tamanti

Pianoforte: Gianmarco Tonelli, Alessandro Baccaro, Paolo Mari

A cura dell’Istituto Liceo Musicale “Farnesina” – Via dei Giuochi istmici, 64 Roma – e di M° Cristina Nocchi, docente di Canto

 

 “Insieme al Riverside”

Ore 20.00 – 24.00 – Riverside

Una serata tra diversi generi musicali con alcune Band della Scuola: si parte con il rock/jazz dei No One Direction (7 componenti); a seguire MISSunderstanding, band rock tutta al femminile (6 componenti); si prosegue con il jazz raffinato dei Kollektive Jazz (7 componenti); a finire il pop/rock dei Real Friends (6 componenti).

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

A cura della Scuola Musica ‘Insieme Per Fare’

 

“Suono al pianoforte” _ Marco Accardo

Ore 20.00 – 22.00 – Piazza Balsamo Crivelli

Il tredicenne Marco Accardo suona al pianoforte

 

“Bach e il suo tempo”

Ore 20.30 – 22.00 – Teatro di Villa Torlonia

I brani proposti dalla Roma Youth String Orchestra in questo concerto conducono in un “viaggio” in mondi musicali diversi, espressione di modi differenti di fare musica dei Maestri Georg Friedrich Händel Johann, Sebastian Bach e Domenico Scarlatti, accomunati dalla ricerca dello stile applicata alla musica strumentale. A essi va riconosciuto il titolo di grandi innovatori delle forme che affrontarono, benché abbiano operato in ambiti di corte costretti dalla tradizione.

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria allo 060608.

A cura di Associazione Culturale Insieme Oltre la Musica

 

 

MARATONE MUSICALI

 

“Traiano suona il piano”

Ore 18.00 – 23.00 – Mercati di Traiano

Maratona di concerti pianistici ad opera di giovani musicisti dalla classica al jazz. Con Puwei Zheng, Luca Filastro, Silvia D’Augello, Virgilio Volante e con la partecipazione straordinaria di Francesco Taskayali.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

A cura di Gaia Vazzoler e Matteo Ciampi

 

“Il Brigantaggio – I Figli del Vesuvio”

Ore 18.00 – 24.00 – Piazza del Campidoglio 

Gli alunni I Figli del Vesuvio (45/50 componenti) eseguiranno brani musicali attraverso i quali raccontano la storia del brigantaggio sud Italia.

A cura della Scuola Secondaria di primo grado “Massimo Li Pira” Nocera Inferiore (SA)

 

“Festa della Musica_Associazione culturale Pentagramma”

Ore 18:00 – 24:00 Largo di Pietralata (angolo via Castel Paterno)

Allievi ed insegnanti si esibiranno in vari generi musicali.

A cura di Associazione culturale Pentagramma

 

“Gruppi e cori musicali”

Dalle 18.00 alle 24.00 – Ristorante MITHOS

Gruppi e Cori Musicali vari

Per altre informazioni: www.festadellamusica.beniculturali.it

A cura di ComunitAppia

 

“The Barber Shop Ladies Quartet“

Ore 18.00-24.00 – Galleria Edarcom
Gruppo a cappella

Per altre  informazioni  www.festadellamusica.beniculturali.it

A cura di ComunitAppia

 

“Porte Aperte Musica Live No Stop”

ore 18.00 – 24.00 – Biblioteca Fabrizio Giovenale

MUSICA LIVE NO STOP. Otto gruppi:  Bianco & Nero, Duo Riccardo e Simone, Picarus, Coro Contilli, Kalimnos, Cororaro, 4 note per strada, CIP Orchestra. Si alterneranno partendo dalla musica di strada passando per il reggae, pop, rock e rhythm&blues, arrivando alle calde sonorità del funky jazz e della musica popolare, etnica e dei cantautori italiani.