‘Piccoli crimini coniugali’: Infascelli indaga sull’inferno della vita di coppia in un film teatrale e raffinato

IMG_2719

Roma. Un’auto porta a casa un uomo con la testa ferita accompagnato da sua moglie. Li vediamo entrare nel loro bellissimo appartamento e sin dalle prime battute capiamo che lui ha perso la memoria e che pare non riconoscere neppure la donna, che tenta comunque di aiutarlo a ricordare. Pian piano, però, scopriamo che forse le cose non sono esattamente come sembrano e che forse entrambi stanno mentendo. Cosa vogliono nascondere? Dal bestseller omonimo del francese Eric-Emmanuel Schmitt, ‘Piccoli crimini coniugali’ segna il ritorno alla regia di Alex Infascelli, che, dopo film come ‘Almost blue’, ‘Il siero della vanità’ e ‘H2Odio’ cambia decisamente registro, mettendo in scena un teatralissimo dramma da camera che indaga impietoso nell’inferno della vita di coppia. Due soli personaggi in scena, come su un palcoscenico, a cui danno volto e anima due tra i più validi attori italiani: Sergio Castellitto e Margherita Buy. Il regista li chiude all’interno di un appartamento privato, raffinatissimo e arredato con grande cura (e che un tempo era appartenuto niente di meno che a Silvana Mangano), e li lascia a briglia sciolta, facendo emergere bugie, crudeltà, fragilità, paure. Sembra quasi di spiarli, di ascoltare i loro discorsi dall’appartamento accanto, cercando di afferrare qualcosa che non emerge mai completamente. Perché per tutto il film non smettiamo di domandarci chi dei due dica la verità e chi invece stia facendo il gioco sporco, restando imbrigliati con loro in un tour de force perverso e crudele, in cui entrambi i giocatori sono i tristi reduci di un sentimento che ormai si è spento. È la solitudine, infatti, che regna in quella casa splendida ma mortifera, con le mura oscurate e le finestre da cui non si vede cosa c’è fuori: perché quell’appartamento è una tomba, la fredda tomba di un amore piegato da insoddisfazioni, rancori, compromessi, timori. E così ‘Piccoli crimini coniugali’, come il libro da cui è tratto e a cui rimane per gran parte fedele, diviene una riflessione impietosa e non priva di ironia su una guerra di coppia che non avrà vincitori, ma solo i firmatari di un’alleanza per la sopravvivenza. Un’opera ambigua e nerissima, inevitabilmente claustrofobica, girata con raffinatezza ed eleganza ed arricchita da una colonna sonora gustosa firmata dallo stesso regista e da David Nerattini. Certo, siamo lontani dal coinvolgimento emotivo e dalla perfezione stilistica di opere come ‘Carnage’ o ‘Venere in pelliccia’, entrambe girate da Roman Polanski ed entrambe analisi feroci sull’universo coppia e sulle sue contraddizioni. Ma pur nel suo raggelante intellettualismo, ‘Piccoli crimini coniugali’ funziona e la sua confezione da thriller domestico affascina e inquieta al tempo stesso, trasmettendoci un senso di malessere e di spaesamento.

Alberto Leali

IMG_2717.JPG

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...