La variegata e originale nuova stagione del Teatro Olimpico

1BD500A9-2D7E-4C4C-B818-DAE9A0429747.jpg

Dopo il grande successo della passata stagione, lo storico Teatro Olimpico presenta una variegata ed esaltante serie di nuovi spettacoli per la stagione 2017/2018. Attraverso la collaudata formula dell’abbonamento libero, il pubblico potrà scegliere fra i 15 notevoli spettacoli in programma, che non mancheranno di accontentare i gusti più vari.

Apre la stagione una grande prima nazionale: Giselle, con le coreografie di Dada Masilo (dal 28 settembre), che si esibirà anche in scena con altri 11 danzatori. Uno spettacolo suggestivo, energico, vitale, legato alla terra e alle origini, e che pulsa come le percussioni africane presenti in colonna sonora.

Tra gli spettacoli di inizio stagione, c’è anche Red Bull Flying Bach (15 ottobre) con la direzione artistica di Vartan Bassil e Christoph Hagel, in cui la breakdance si fonde sorprendentemente con la musica di Bach, in una miscela originalissima.

La stagione 2017/2018 segna anche il ritorno di compagnie di fama internazionale: prima fra tutti, a partire dal 17 ottobre, la compagnia dei Momix di Moses Pendleton, che festeggia i suoi 35 anni di esistenza presentando Viva Momix Forever, in cui immagini oniriche e fantastiche vengono evocate grazie all’interazione di corpi umani, costumi, attrezzi e giochi di luce.

Dopo il successo di Carmen, torna anche l’Orchestra di Piazza Vittorio, che si cimenta con un altro caposaldo del genere operistico, il Don Giovanni di Mozart. Prodotta dall’Accademia Filarmonica Romana e dal Festival francese Les Nuits de Fourvière, questa curiosa e originale versione della celebre opera vede la talentosa cantante Petra Magoni vestire a sorpresa i panni di Don Giovanni, in una rivisitazione gustosa di brani e situazioni entrati ormai nel nostro immaginario (dal 9 novembre).

Ritorna anche la spy-comedy più esilarante del nuovo teatro italiano firmata Lillo & Greg, che mettono in scena il loro ultimo L’uomo che non capiva troppo (dal 28 novembre). Per ridere con intelligenza, fra omaggi e citazioni.

Il mattatore Maurizio Battista ci accompagnerà invece nelle feste di Natale (dal 26 dicembre), proponendo il nuovo Cavalli di razza e vari puledri. Un viaggio divertentissimo dagli inizi della sua carriera ad oggi, in una serie imperdibile di gag comiche.

Come consuetudine a fine gennaio le luci sono rivolte sull’atteso gran galà dell’illusione Supermagic 2018 Miraggi (dal 25 gennaio); mentre Riccardo Rossi sarà in scena dal 6 febbraio con il nuovo “W le donne!”, un viaggio divertente e appassionato nel mondo femminile.
A seguire, il graditissimo ritorno di Max Giusti (dal 20 febbraio), con la sua comicità camaleontica e stravagante.

Nella seconda metà di marzo, un’intera settimana è dedicata all’Arte. Corrado Augias propone “L’eterno incanto di venere – Da Prassitele a Modigliani” (14 marzo), una interessantissima riflessione sul concetto di nudità; mentre Vittorio Sgarbi ci conduce nel fascinoso mondo di uno degli artisti più grandi di sempre, “Michelangelo” (dal 15 marzo).

Dal 20 marzo è in programma uno spettacolo a sorpresa presentato da MF Produzioni; da non perdere, inoltre, i quattro spettacoli di danza, in scena tra marzo e aprile, dell’ottava edizione del Festival Internazionale della Danza di Roma 2018, appuntamento tradizionalmente organizzato insieme all’Accademia Filarmonica Romana.
In scena ci saranno, quindi, Carmen, del coreografo e regista Amedeo Amodio (in scena dall’8 marzo); Mediterranea (dal 10 marzo), di Mauro Bigonzetti, eseguita da 20 danzatori solisti della Daniele Cipriani Entertainment; Notte Tzigana (17 e 18 aprile), del violinista Antal Szalai, con la sua Orchestra Tzigana di Budapest; e infine Pastora Baila (19 e 20 aprile), spettacolo di flamenco firmato dalla bailaora Pastora Galván, vera e propria icona del genere.

Non manca nella programmazione l’operetta, in una serata di excursus tra le arie principali del genere, diretta da Sandro Pecorelli Corelli (21 aprile), che vedrà alternarsi le soprano Daniela Mazzucato e Maria Giavanna Michelini e i tenori Max René Cosotti e Andrea Binetti.

Una vera e propria opera lirica è invece la messa in scena della Carmen di Georges Bizet (26 aprile), presentata dall’Accademia Filarmonica Romana e prodotta da As.Li.Co, nel quadro del progetto denominato l’Opera per tutta la Famiglia. Il capolavoro operistico di Bizet è stato scelto quest’anno per il tradizionale progetto educativo sull’opera lirica pensato per i ragazzi e per le loro famiglie, che da anni la Filarmonica presenta in esclusiva per Roma.

L’amatissimo musical cult Dirty Dancing rivive nella versione di Federico Bellone e chiude la stagione, festeggiando i suoi 30 anni (dal 4 maggio).

Diversi anche gli appuntamenti con la musica live: De André canta De André (14 ottobre) che vede Cristiano De André interpretare sul palco un repertorio ricco di brani del padre che si affiancano ai suoi brani più celebri. E ancora i concerti rock che omaggiano gli strepitosi anni ’70. (dal 12 marzo).

Per ulteriori informazioni, visitare il sito ufficiale: http://www.teatroolimpico.it

Alberto Leali

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...